Kristin Hersh, un’altra che fa da sé…

5 12 2007

1648_1.jpg 

Kristin Hersh è una che sguazza nell’acquario della musica alternativa da più di vent’anni. Conosciuta più che altro come la cantante dei Throwing Muses – autori nel 1994 di un delizioso album dal titolo “Hips and Makers” – ha lavorato con Michael Stipe, Vic Chestnutt, Willard Grant Conspiracy e ha fatto scrivere tante belle pagine su di sè da una critica adorante. E’ quel che si dice un artista di nicchia. Ed è una che ha sotto due palle così. Ora vi spiego perchè.

Primo: perchè fa la stessa roba che hanno fatto i Radiohead e Saul Williams: decide che le case discografiche non fanno per lei e si mette a fare l’imprenditrice.

Secondo: perchè va oltre. Ogni mese, Kristin registra e mette online una sua nuova canzone. Donando quel che si vuole, anche zero, si può scaricare il brano, il testo, la copertina, la versione demo e persino le tracce separate per remixarla. Ovviamente il brano non è protetto da copyright, ma da una licenza Creative Commons.

Terzo: perchè sdogana il mecenatismo. Siccome “la musica cresce sugli alberi, ma i soldi no”, Kristin ti chiede una mano per finanziare la sua arte. Ci sono diverse forme di sottoscrizione: se ogni tre mesi le mandi 10 dollari, lei ti manda un poster ad edizione limitata, un adesivo e ti promette che riceverai il cd in anticipo rispetto alla sua data d’uscita. Se gliene dai 30, ci aggiunge un cd con il suo “work in progress”, una demo con rarità e un invito ad ogni concerto suo e dei suoi due gruppi, Throwing Muses e 50FootWave. Poi ci sono le “opportunità speciali”: per 500 Dollari puoi andare in studio con lei. Per 1000 Dollari diventi sponsor del progetto. E per 5000 Dollari ne sei il produttore esecutivo.

Quarto: perchè questo progetto si chiama CASH Music, letteralmente “musica da soldi”. Se non è aver le palle questo… 

(Di Kristin Hersh, qualche giorno prima di me, ne ha parlato anche Punto Informatico. Qui)


Azioni

Information

8 responses

5 12 2007
PIE

E per i L.i.M.S. cos’hai in mente?

5 12 2007
rockonomics

Bellissima domanda. Dipende: quanto siete disposti a osare?

5 12 2007
PIE

Adesso come adesso penso che o si punta tutto o non si punta niente.
Bisogna vedere cosa c’è nel piatto e poi ti dico se la mia propensione al rischio è soddisfatta dal profitto atteso…

6 12 2007
robida

spettacolare.
punto.

mecenatismo….ha un senso. altrochè.

vediamo

6 12 2007
rockonomics

anch’io faccio il tifo per la Hersh. Anzi, magari ci scapperà pure una sottoscrizione…

6 12 2007
robida

sai che sto pensando pure io!?
dopo i Radiohead c’ho una voglia di partecipazione, di starci dentro, che prescinde dal fatto che non conosco se non sporadicamente l’opera della Hersh

14 02 2008
La nuova discografia creativa/6 - Cash Music Coalition « Rockonomics

[…] ricordate Kristin Hersh e la sua Cash Music? Ne avevamo parlato qualche mese fa. In pratica, Kristin era diventata imprenditrice di sè stessa e della propria musica, mettendo in […]

8 03 2008
Kevin Kelly, i “valori generativi” e la nuova discografia « Rockonomics

[…] ti permettono di assistere al backstage dei loro concerti. Ma nessuno si è spinto avanti come Kristin Hersh, che – con il suo progetto Cash Music – offre a chi ne sovvenziona il lavoro di partecipare alle […]

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger cliccano Mi Piace per questo: